Menotti Bianchi

scrittore taliano

Menotti Bianchi (18681937)[1] fuje nu scrittore 'e triato nnapulitano.

BiografíaCàgna

Fuje attivo 'int’’a secunna mità de l'Ottuciento e 'e primme anne d’’o Nuveciento. 'A granda parte d’’a produzione soja sta 'nserrata int’’e primme anne d’’o seculo: d’’o 1903 nfi 'o 1910.

Quann'era totavota guaglione, int’’o 1884, scrivette 'o Comparatico, n'opera 'e nu atto. Tanno, Giuanne Verga lle facette ánema pe secutà a scrivere triato[2]. Aroppo pubbrecaje Lo sfregio (1894) e Rosa Esposito (1897), ca vencette 'o primmo premio d’’o Concorso drammatico del «Mattino» d’’o 1902[3].

Simbè 'o dramma Comparatico tenette nu discreto succiesso 'n Sicilia, Menotti Bianchi 'o teneva assaje desficele 'a farse rappresentà p’’e ccumpagnie. 'O canasciuto attore Giuanne Grasso, c'aveva recetato 'n passato ate fatiche 'e Menotti Bianchi, accummenciaje a nun ghì cchiù 'n triato, lassanno l'autore senza cumpagnia[4] e jenno nfi 'a pubbrecà Rosa Esposito cu n'ato nomme, Rusidda, e n'ato autore, simbè 'eva cagnato sulamente l'urdema scena[5].

Stevano ate atture, comme 'a Adelina Magnetti, Luigi Galloro o Marietta Del Giudice, ca sustegnevano Menotti Bianchi. Isso, secutaje scrivenno p’’o triato dialettale brillante, comm’’a ll'opera p’’e guarattelle e 'o triato 'e Pulecenella, ca jeva 'e moda tanno. Pe sto fatto, Menotti Bianchi s'allamentava cu Verga ca, 'o finale, era 'o pubbreco ca vottava 'e cumpagnie a 'ncucciarse a recetà sulamente fatiche spassuse. Scrivette: «Da noi mancano le Compagnie dialettali atte ad interpretare un lavoro d’arte pura. Pare che si sia radicato nella moltitudine il concetto che il teatro dialettale napoletano debba essere unicamente ristretto alle riduzioni di pochades francesi nel nostro popolare idioma, e nelle commedie grottesche, auspice la maschera di Pulcinella»[6]. Pe tramente, 'o succiesso d’’e ffatiche soje veneva propetamente d’’e ccummedie 'e n'atto sulo. P’’a capacetà 'e Menotti Bianchi 'e cundenzà 'o dramma 'nt’’a n'atto sulo, stevano assaje critici ca nce sbattevano 'e mmane, comm'a Nicolò F. Mancuso[7] o Roberto Bracco[8] o Luigi Capuana[9].

FaticheCàgna

  • Comparatico (1884). Bozzetto drammatico con lettera-prefazione di G. Verga, seconda edizione rivista e corretta dall’autore e illustrata da Eduardo Matania, Napoli, Romano, 1889.
  • Lo sfregio. Scene napoletane, Napoli, Edizione F. Lezzi, 1894.
  • Rosa Esposito. Commedia dialettale in un atto, Napoli, Chiurazzi, 1897.
  • ’A figlia d’ ’a Madonna. Scene napoletane in un atto, traduzione dialettale di Raffaele Della Campa, Napoli, Chiurazzi, 1903.
  • Comm’a nu brutto suonno!... Scene napoletane in un atto, traduzione dialettale di Luca Postiglione, Napoli, Chiurazzi, 1905.
  • ’O duvere. Scene napoletane in un atto, traduzione dialettale di Eduardo Pignalosa, Napoli, Chiurazzi, 1905.
  • Notte. Scene drammatiche in un atto, traduzione dialettale di Raffaele Chiurazzi, Napoli, Chiurazzi 1905.
  • ’O sfregio. Scene napoletane in un atto, traduzione dialettale di Gustavo Di Giacomo, Napoli, Chiurazzi, 1905.
  • Cenerentola. Ghirigoro in un atto, Napoli, Bideri, 1908.
  • Napulitana. Dramma in un atto, traduzione dialettale di Aniello Costagliola, Napoli, Pironti, 1908.
  • ’E guarattelle. Dramma napoletano in un atto, preceduto da una lettera aperta a G. Verga, Napoli, Società Libraria Italiana Editrice, 1909.
  • Reginella. Dramma in un atto, Napoli, Pironti, 1909.
  • ’O cantastorie. Dramma in un atto, Napoli, Patarino, 1910.
  • Piccole cose, Napoli, Pironti, 1937.
  • Catena. Dramma dialettale in tre atti, Napoli, Società Libraria Editrice, s.d.

RaccòveteCàgna

  • Teatro dialettale napoletano, con giudizi di Giovanni Verga, Luigi Capuana, Achille Torelli et alii, Napoli, Patarino, 1911.
    • Cu: ’O sfregio, Rosa Esposito, ’A figlia d’ ’a Madonna, Comm’a nu brutto suonno…, Trezza d’oro, ’Int’ ’o canciello, Notte, Voce d’ e cose, ’E guarattelle, ’A mercante (La morte), Napulitana.
  • Atti unici, Napoli, Pironti, 1932.
    • Cu: ’O duvere, Reginella, ’O cantastorie, ’A gradiata, ’E cuorve, ’O barile d’oro, ’A martola, ’E figlie ’e Maria, ’A bionda.
  • Teatro, Napoli, Pironti, 1936.
    • Cu: I contadini. Dramma in tre atti, Sull’Etna. Dramma della gleba in due atti.

Ati pruggetteCàgna

NotarelleCàgna

  1. Salvatore Argenziano; Gianna De Filippis. Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano - Gli Autori delle Citazioni . p. 2 URL consultato ô 13/5/2020.
  2. M. Bianchi. ’E guarattelle. Dramma Napoletano in un atto preceduto da una lettera aperta a G. Verga. Napule, Società Libraria Italiana Editrice, 1909.
  3. Loredana Palma. (IT) Nota bio-bibliografica di Menotti Bianchi. URL cunzurdato ô 13/05/2020.
  4. ’E guarattelle, op. cit., p. 9.
  5. ’E guarattelle, op. cit., pp. 9-10.
  6. ’E guarattelle, op. cit., p. 6.
  7. M. Bianchi. Teatro dialettale napoletano. Prefazione. Napule, Patarino, 1911.
  8. Teatro dialettale napoletano, op. cit., p. XVI.
  9. Teatro dialettale napoletano, op. cit., pp. XVI-XVII.