Differenze nfra 'e verziune 'e "Galerio"

nisciuno oggetto d' 'o cagnamiento
Dopp'à morte è Costanzo Cloro, l'ann'aroppe a Eboracum (York), l'esercete suojo nummmenaje Augusto ò figlie Custantine, ppe'tramente' contemporaneamènt o' figlie e' Massimiano, Massenzio se nummenaje da sulo augusto in Italia. Doppo ca levajen'à mieze Flavio Severo e nu' tentativo juto à male e' invadere l'Italia into 307, e' dduje "augusto", Diocleziano e Massimiano se ariunettere a Carnuntum int'ò 308 e cercareno e' fà n'ata vota o' sistemo da "tetrarchia" annummenanno Licinio Augusto e Costantino Cesare ppe la parte occidentale, ma Costantino e Massimino Daia nun fujeno d'accordo pecchè nun vuleveno stare sotto a'lloro comme pusizzione. Fuje accussì che se truvajene a' stà quatte Augusto :Galerio e Massimino Daia int'all'Uriente, Licinio dint'à Illirico e Costantìino dint'à Gallia, Spagna e Franza, ppe'ntramente' Massenziò restava, comm'à usurpatoro, dint'àll'Italià e in Africa.
 
O'30 abbrilè ro' 311 a Nicomedia se spannette ò l'Edìtte Generale e' Tolleranza, a nomme de tre Auguste Galerio, Licinio e Costantino, ca' segnaje a' finè re' perzecuzzione contr'e' Cristiane. O' scrittore Lattanzio, ca' ripurtaje tutt'ò scritte è l'editto, arrechiammaje l'imperatore ppa' cuntrarietà alla riliggione cristiana. Dint'à ll'opera soja "De mortibus persecutorum" (48, 2-13) scrivette quale aveva essere o' destine ca vanne 'ncontre tutte chille ca fann'è perzecuzzione e descrivette à gangrena che pigliaje a' Galeriò e che purtaje l'imperatòr a' mmortè seje juorne aropp' a' pubbricazione è l'editte.
 
[[Categoria:Romma]]
Utente anonimo