Differenze nfra 'e verziune 'e "Utente:TeenAngels1234/Sandbox"

Sicunn'ô biografo [[Ascanio Condivi]] nt'â chille tiempe Michelangelo penzaje pure â n'atu prugietto pe' fravucà nu culosso nt'â muntagna pe mangangà 'e marenaje: cierte penzate 'e sta grannezza jerano parte r{{v}}a perzonaletà 'e ll'artista e nun pare ca zongo sulo penzate r{{v}}o biografo, pure pecché fuje truata n'edizzione r{{v}}o manuscritto cu note ncopp'â dettatura 'e Michelangelo arù ll'opera bene chiammata "na pazzarìa". Nt'â penzata 'e Michelangelo 'o prugietto hêva jessere coccosa cummo 'o [[culosso 'e Rodi]] o 'a statua 'e [[Alessandro Magno]] ca [[Dinocrates]], annumenat'â [[Vitruvio]], hêva fravucà r'ô [[Monte Athos]]<ref name=G143>{{cita|Alvarez Gonzáles|p. 143|MAG}}.</ref>.
 
==== RotturaRuttura e riconciliazioneappaciamiento colcu 'o papa (1505-1508) ====
Pe tramente ca jera assente partette â Romma na ntramaria ncuntr'â Michelangelo, pe 'mmirie ntr'â ll'ate artiste r{{v}}a chiorma r{{v}}o papa. 'A mpopolaretà ca benette primma r'ô traseto â Romma r{{v}}o scordore 'e Sciorenza hêva nfatte appiccià mmiria ntr'â ll'artiste 'e Julio II, ammeneccianno 'o faore r{{v}}o pate e 'a desposizzione r{{v}}e funne, aute ma no nfinite. Pare ca fuje 'o [[Bramante]], archetetto 'e corte ncarecato 'e abbià poche mise aroppo nciammellato 'o strommiento pe 'a tomma 'o granne prugietto pe rennovà ll' [[antica basileca 'e San Pietro|basileca costantiniana]], ca sbiaje ll'attenzione r{{v}}o papa r'ô prugietto r{{v}}a tomma, jorecata n cosa ca puteva purtà piòneca pe nu crestiano angora vivo e nt'ô miezzo r{{v}}e prugiette<ref name=G128>{{cita|Alvarez Gonzáles|p. 128|MAG}}.</ref>. Fuje accussì ca 'a primmavera r'ô [[1506]] Michelangelo, pe tramente turnaje â Romma cu 'e marmule e aspiette aropp'e desfiecele mise 'e fateca nt'ê cave, facette 'a brutta scupierta ca 'o papa nu buleva cchiù 'o prugietto, scartato pe 'a basileca e 'e nove chiane bellece ncontr'â [[Perugia]] e [[Bologna]]<ref name=B95>{{cita|Baldini|p. 95|UB}}.</ref>.
Durante la sua assenza si mise in moto a Roma una sorta di complotto ai danni di Michelangelo, mosso dalle invidie tra gli artisti della cerchia papale. La scia di popolarità che aveva anticipato l'arrivo a Roma dello scultore fiorentino doveva infatti averlo reso subito impopolare tra gli artisti al servizio di Giulio II, minacciando il favore del pontefice e la relativa disposizione dei fondi che, per quanto immensi, non erano infiniti. Pare che fu in particolare il [[Bramante]], architetto di corte incaricato di avviare - pochi mesi dopo la stipula del contratto della tomba - il grandioso progetto di rinnovo della [[antica basilica di San Pietro in Vaticano|basilica costantiniana]], a distogliere l'attenzione del papa dal progetto della sepoltura, giudicata di cattivo auspicio per una persona ancora in vita e nel pieno di ambiziosi progetti<ref name=G128>{{cita|Alvarez Gonzáles|p. 128|MAG}}.</ref>.
 
[[File:Bologna, targa piazza galvani.JPG|thumb|La targa che a Bologna ricorda il soggiorno di Michelangelo del 1506 e la fusione della perduta statua di ''[[Giulio II benedicente]]'' (1506-1508)]]
Fu così che nella primavera del [[1506]] Michelangelo, mentre tornava a Roma carico di marmi e di aspettative dopo gli estenuanti mesi di lavoro nelle cave, fece l'amara scoperta che il suo progetto mastodontico non era più al centro degli interessi del papa, accantonato in favore dell'impresa della basilica e di nuovi piani bellici contro [[Perugia]] e [[Bologna]]<ref name=B95>{{cita|Baldini|p. 95|UB}}.</ref>.
 
Il Buonarroti chiese invano un'udienza chiarificatrice per avere la conferma della commissione ma, non riuscendo a farsi ricevere nonché sentendosi minacciato (scrisse «s'i' stava a Roma penso che fussi fatta prima la sepoltura mia, che quella del papa»<ref name=B95/>), fuggì da Roma sdegnato e in tutta fretta, il 18 aprile [[1506]]. A niente servirono i cinque corrieri papali mandati per dissuaderlo e tornare indietro, che lo inseguirono raggiungendolo a [[Poggibonsi]]. Rintanato nell'amata e protettiva Firenze, riprese alcuni lavori interrotti, come il ''[[San Matteo (Michelangelo)|San Matteo]]'' e la ''[[Battaglia di Cascina (Michelangelo)|Battaglia di Cascina]]''. Ci vollero ben tre [[breve papale|brevi]] del papa inviate alla Signoria di Firenze e le continue insistenze del gonfaloniere [[Pier Soderini]] («Noi non vogliamo per te far guerra col papa e metter lo Stato nostro a risico»), perché Michelangelo prendesse infine in considerazione l'ipotesi della riconciliazione<ref name=B95/>. L'occasione venne data dalla presenza del papa a [[Bologna]], dove aveva sconfitto i [[Bentivoglio (famiglia)|Bentivoglio]]: qui l'artista raggiunse il pontefice il 21 novembre [[1506]] e, in un incontro all'interno del Palazzo D'Accursio, narrato con toni coloriti dal Condivi, ottenne l'incarico di fondere una scultura [[Giulio II benedicente|in bronzo]] che rappresentasse lo stesso pontefice a figura intera, seduto e in grande dimensione, da collocare al di sopra della Porta Magna di Jacopo della Quercia, nella facciata della basilica civica di [[Basilica di San Petronio|San Petronio.]]<ref name=B95/>
23 395

cagnamiente